Pulchra minima

Quattro serate dedicate alla danza nelle quali giovani coreografi italiani hanno accettato il confronto con un palcoscenico “da camera” per creare assoli, duetti e trii che si ispirano all’arte del surrealismo.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: