Il maestro e Margherita – Gli amanti

da Michail Bulgakov, drammaturgia di Fabrizio Sinisi; regia di Paolo Bignamini

A partire dal capolavoro di Michail Bulgakov, questa riscrittura de Il maestro e Margherita sposta la vicenda dalla Mosca staliniana alla Milano dei nostri giorni; si concentra sui singoli personaggi e ne dipana la storia e il punto di vista da nuovi angoli prospettici; ne stravolge a tratti il linguaggio alternando prosa, versi e musica, arrivando quasi a trasformare il romanzo bulgakoviano in una drammaturgia epica di matrice brechtiana.

Ogni argomento del nostro presente viene portato dentro a questo gioco incrociato di sguardi: l’arte, l’amore, la politica, l’economia, la tecnica, il teatro e la poesia.

Tre spettacoli autonomi, presentati in forma di studio per indagare una materia vasta e pirotecnica: Voland, Pilato e Gli amanti compongono un unico mosaico legato da parole e situazioni in continuo riverbero, come una traccia segreta che solo l’insieme e la complessità possono suggerire.

 

III – Gli amanti

Uno scrittore, detto “il Maestro”, ha passato l’intera esistenza a scrivere un romanzo che avesse come protagonista Ponzio Pilato. Tuttavia, la stesura, la censura e il clamoroso insuccesso dell’opera lo travolgono e lo abbattono, distruggendo perfino la cosa più cara e assoluta che ci fosse nella sua vita: l’amore per la giovane Margherita. La donna farà tuttavia qualunque cosa – perfino allearsi con il Diavolo in persona – pur di ricongiungersi con il grande amore della sua vita.

Come una moderna riambientazione di Romeo e Giulietta, Gli amanti completa il mosaico de Il Maestro e Margherita nel segno di un dramma che sfiora tanto la farsa quanto la tragedia, per poi ricondurci al punto centrale del romanzo di Bulgakov: l’amore dell’essere umano e per l’essere umano. Un amore che il grande sconvolgimento della Storia può forse vincere, ma che sempre spinge per ritrovarsi, riavvicinarsi e riportarsi nel faccia a faccia del qui e ora.

 

Con: Matteo Bonanni, Federica D’Angelo

Scene e aiuto regia: Francesca Barattini

Assistente: Gianmarco Bizzarri

Organizzazione e produzione: Carlo Grassi

Consulenza scientifica: Gian Piero Piretto

Un progetto di Gabriele Allevi e Paolo Bignamini

Co-produzione: ScenAperta Altomilanese Teatri e Teatro de Gli Incamminati / deSidera

Foto di scena: Stefania Ciocca

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: