Sipario

Una breve presentazione. Sono un attore, frequento i teatri. Durante le prove di uno spettacolo con la regia di Renato Carpentieri mi è capitato di mettere in scena alcuni aforismi di Erik Satie. Ne ricordo uno in particolare che diceva: “I teatri rappresentano un’incognita. Quasi tutte le sere”.

Una sottile doppia possibile interpretazione del significato di “incognita” così divertente che mi è ritornata in mente quando, tornato nella mia città natale, Milano di cui a Roma e Napoli — città in cui ho lavorato come attore — si dice: “il teatro si fa a Milano”, mi sono accorto che mancava una pubblicazione che presentasse e diffondesse la produzione e l’offerta di pubblico spettacolo delle sale teatrali cittadine.

Quindi, tornando a Satie, il rischio era che quell’incognita persistesse; mi sembra necessario risolverla.

Seguendo l’esempio di illustri predecessori, l’americano Playbill fondato nel 1884 in primis, La Terrasse che da ventun anni accoglie all’ingresso delle sale il pubblico teatrale di Parigi, e senza dimenticare l’inglese The Stage, ho concepito Foyer come una tavola sinottica: da un lato i cittadini avranno a disposizione uno strumento di riflessione e di informazione sullo spettacolo, con tutte le sale sullo stesso piano, a portata di lettura; dall’altro i teatri, le sale e le produzioni di pubblico spettacolo beneficeranno, indipendentemente dall’importanza della struttura e dalle dimensioni della sala, di uno spazio per promuovere con brevi sinossi e informazioni tecniche e logistiche i propri spettacoli, cosicché anche le istituzioni minori potranno più facilmente affacciarsi sul panorama del territorio e arrivare al pubblico dei lettori.

Alla fine degli anni novanta, a Milano, la situazione del teatro e dello spettacolo dal vivo vedeva una media di tre settimane di programmazione per ogni produzione e grandi affluenze di pubblico. Negli ultimi dieci anni gli spazi e le sale di pubblico spettacolo si sono moltiplicate e alcuni grandi teatri sono diventati multi-sala; occorre però registrare una flessione nella durata delle teniture (il numero di giornate di replica) e delle percentuali degli spettatori.

In questo scenario Foyer accompagna il pubblico a teatro. Sfogliando il giornale si avrà accesso all’intera offerta dello spettacolo dal vivo della città. E l’idea è quella di offrire lo stesso strumento anche in altre città italiane. Nei 43000 luoghi di spettacolo del Paese 21 italiani su 100 vanno a teatro almeno una volta all’anno (Fonte CReSCo 2012); Foyer si impegna ad accompagnarne qualcuno in più.

Un doveroso particolare ringraziamento va all’amico attore Alberto Astorri che, quasi a sua insaputa, ha inventato il sottotitolo del giornale. Ci siamo ritrovati a teatro, stavolta dalla parte del pubblico, e prima che lo spettacolo iniziasse, ritirati i biglietti mi disse, da me separandosi e volendo salutare altri colleghi e registi presenti: «Vado a fare un po’ di foyer: il foyer è tutto del teatro!» esattamente questa la funzione che sogno per questo periodico: ritrovarsi prima di entrare in sala a parlare di uno spettacolo visto giorni prima e quando abbiamo sulla punta della lingua il nome del regista o dell’interprete, non riuscendo a ricordarlo e trovando una copia di Foyer nel foyer, essere soccorsi dalle pagine della carta stampata. Verba volant, Foyer manet.

Federico Niola

Direttore responsabile. Laureato in filosofia all’Università statale di Milano, ha una predilezione per la teoretica e l’epistemologia. Ma gli piacciono anche Homer Simpson e Peter Griffin, i quali sono, com’è noto, due fini pensatori nonché grandi interpreti della vita, già professionisti nella disciplina della caduta in piedi. Ha lavorato come formatore e consulente nell’ambito delle risorse umane. Se leggere libri fosse un’attività pagata, potrebbe vivere di rendita. La professione di editore era un antico sogno e i sogni prendono polvere se non si realizzano.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: